Cucire a Macchina - Tutotirla Gratis di Cucito Creativo
Cucire a Macchina
Tanti Tutorial Gratis di Cucito Creativo

Guida alla scelta dell’ago per cucire a macchina

  • Condividi

L’ago è forse la parte più importante della macchina per cucire. La scelta di un ago appropriato per il lavoro di cucitura sarà fondamentale per ottenere una finitura ottimale ed evitare problemi durante l’esecuzione del lavoro, primo tra tutti, la rottura dell’ago. La scelta dell’ago da utilizzare per cucire a macchina dipende essenzialmente dal tipo di tessuto che si sta lavorando. Per rendervi conto del tipo di ago da utilizzare, considerate la pesantezza del tessuto. Più il tessuto è pesante, più servirà un ago grosso. Poi, di conseguenza, anche lo spessore del filo seguirà quello dell’ago. Per questo motivo potete trovare, alla fine di questa guida, una tabella esemplificativa sulla corrispondenza tra tipo di tessuto, filo e dimensioni dell’ago, che vi consiglio di stampare e di tenere sott’occhio quando vi preparate a sistemare la macchina per cucire, specialmente se non siete delle confezionatrici esperte. In questo modo eviterete di incorrere nel pericolo più comune che è quello di piegare o di rompere l’ago, con rischio di lesioni personali. Forma e dimensione dell’ago da macchina Gli aghi per la macchina da cucire hanno 2 caratteristiche da prendere in considerazione per la scelta: il calibro (ossia lo spessore) e la forma della punta. Calibro: lo spessore dell’ago viene individuato con un numero, da 60 a 120. Più è alto il numero e più è grosso l’ago. Per i tessuti pesanti e il jeans si utilizzano aghi grossi, mentre per i tessuti leggeri come l’organza e la seta si montano sulla macchina aghi sottili, a numerazione bassa. Forma della punta: solitamente gli aghi da macchina sono disponibili con una punta che può avere 3 forme: affilata (ago per cucire tessuti a trama fitta – generalmente va dal numero 70 a 110 ed quello più utilizzato); a scalpello (ago per cucire pelle e plastica – va dal numero 100 al 110) e arrotondata (ago per cucire tessuti a maglia – va dal numero 70 al 110). forme della punta dell'ago Aghi doppi e tripli Esistono anche aghi da macchina doppi e tripli, usati principalmente nelle cuciture decorative. In questo caso la macchina dovrà essere munita di più portarocchetti, perché vi serviranno 2 rocchetti per l’ago doppio e 3 rocchetti per l’ago triplo. Quindi verificate sul libretto delle istruzioni se la vostra macchina per cucire ne è fornita. L’innesto dell’ago, invece, resta lo stesso per tutti i tipi di ago montati. ago doppioago triplo Conformazione dell’ago da macchina L’ago da macchina è formato da un gambo (su cui trovate inciso il numero del calibro e a volte anche la marca); dalla lama e dalla punta con la cruna attraverso cui passa il filo di cucitura. struttura dell'ago da macchina L’ago per cucire a macchina non ha una forma regolare, ma c’è una parte frontale e una retrostante, molto diverse tra loro: lato anteriore dell’ago: il gambo è arrotondato e la lama ha una scanalatura lunga; lato posteriore dell’ago: il gambo è piatto e la lama ha una scanalatura corta. parte frontale dell'agoparte retro dell'ago Conoscere la conformazione dell’ago per cucire a macchina vi servirà quando dovrete cambiarlo e inserirne uno nuovo o di diverso spessore. Solitamente, al momento dell’acquisto della macchina per cucire, trovate già montato un ago a punta affilata, di dimensioni medie, adatto a cucire la maggior parte dei tessuti. Dove acquistare online gli aghi da macchina e le marche più diffuse Quando decidete di acquistare gli aghi da macchina di cui necessitate, non risparmiate sulla qualità. Se sono di dubbia fabbricazione oppure la confezione non riporta informazioni tecniche, lasciate perdere, perchè rischiate di romperli al primo avvio di cucitura e di farvi male. Le marche più diffuse e conosciute sul mercato sono Singer, Prym, Schmetz, Organ Needles, ma ce ne sono diverse altre inglesi ed americane, tutte buone. Anche in vari shop online è possibile acquistarne a prezzi convenienti, avendo un’ampia possibilità di scelta. Qui potete trovarne una vasta gamma. Come montare un ago sulla macchina per cucire Inserire o togliere un ago dalla macchina per cucire non è assolutamente difficile, ma si tratta comunque di un’operazione da eseguire con attenzione perché si potrebbe rischiare che l’ago si rompa se non fissato bene. Per inserire l’ago basta svitare la vite del morsetto dell’ago in senso antiorario, inserire l’ago con la parte piatta sul retro e spingere verso l’alto fino in fondo, quindi avvitare la vite mantenendo fermo l’ago. Questo è il procedimento di montaggio dell’ago più diffuso, ma per vedere se la vostra macchina per cucire ha delle peculiarità, consultate il libretto delle istruzioni. Per togliere l’ago, procedete nel senso inverso a quello descritto. Vite del morsetto Problemi di cucitura dovuti alla scelta dell’ago e soluzioni Molti problemi di cucitura sono dovuti proprio all’ago utilizzato. Sotto trovate un elenco dei problemi più comuni in cui potrete incappare durante la cucitura a macchina e vi suggeriamo il modo per risolverli: 1. Punti saltati o non eseguiti: questo problema si può avere se l’ago non è inserito completamente nel morsetto oppure se la scanalatura non si trova nella giusta posizione. In questo caso reinserite l’ago correttamente, tenendo la parte piatta del gambo sul retro. 2. Punti irregolari, il filo si rompe, il tessuto viene danneggiato durante la cucitura: questi problemi si possono avere quando si usa un ago di dimensioni diverse da quelle richieste dallo spessore del tessuto. Se l’ago è troppo sottile per il tessuto, il filo può rompersi. Se, invece, è troppo grosso, può danneggiare il tessuto in lavorazione. In entrambi i casi i punti saranno irregolari. In questo caso, consultando la tabella in allegato, verificate quale dimensione dell’ago si adatta meglio al vostro tessuto e cambiatelo. 3. Punti saltati, tessuto danneggiato, rumore sordo quando l’ago penetra nel tessuto, il filo si rompe o si sfilaccia: questi problemi possono prodursi quando sulla punta dell’ago, sulla cruna o nella scanalatura c’è una sbavatura. Se la punta è scheggiata, l’ago può produrre un rumore sordo quando si lavora, può impigliarsi tra le fibre del tessuto strappandole oppure può saltare i punti. 4. Un ago non perfettamente dritto, può saltare i punti, può tirare il tessuto su un lato o battere contro la placca e quindi rompersi. 5. Un ago sporco può saltare i punti rendendo la cucitura imperfetta. In entrambi questi ultimi punti occorre sostituire l’ago. La tabella che segue è una guida pratica per combinare insieme ago, filo e lunghezza del punto La grandezza dell’ago e del filo è direttamente proporzionale alla pesantezza del tessuto, come pure la lunghezza del punto utilizzato: più è pesante il tessuto e più devono essere grossi sia l’ago che il filo, mentre il punto deve essere lungo:

Tipo di stoffa

Tipo di filo

Misure dell’ago

Lunghezza del punto

Leggera (morbida)Tessuta –  chiffon, organza, challis, crepe de Chine – Traforata: merletti sottili, tulle – Maglia: biancheria, panno vellutato Cotone mercerizzato n. 50 – extra fine (qualunque fibra) 70 o 80 punta affilata per tessuti e pizzi – 70 o 80 punta arrotondata per stoffe a maglia 1 – 1,5 mm
Leggera (secca)Tessuta – batista, tessuto di cotone rigato, voile, organdis, Sangallo – Traforata: alcuni tulle, tessuti a rete grossa – Maglia: cirè Seta, nylon, cotone mercerizzato n. 50 – extra fine (qualunque fibra) 80 punta affilata per tessuti e pizzi – 70 o 80 punta arrotondata per stoffe a maglia 1 – 1,5 mm
A peso medio (morbida) – Tessuta: velluto, vellutino, percalle a righe, batista, crepe, velluto a coste – Maglia: jersey, spugna elastica, alcune maglie doppie o maglie grosse Poliestere, sintetico, cotone mercerizzato n. 50 80 o 90 punta affilata per i tessuti – 80 o 90 punta arrotondata per stoffe a maglia 1,5 – 2 mm
A peso medio (secca) – Tessuta: broccato, shantung, faille, taffettà, pelle d’uovo, chintz, piquè, percalle, popeline, lino, alcuni tessuti di cotone ritorto, alcuni tweed – Maglia: alcune maglie doppie Cotone mercerizzato n. 50 – sintetico 80 o 90 punta affilata per i tessuti – 80 o 90 punta arrotondata per stoffe a maglia 1,5 – 2 mm
Pesante (morbido) – Tessuta: velour, velluto a coste larghe, tessuto spugnoso, alcuni tessuti per arredamento, alcuni tipi di finta pelliccia, denim, jeans – Maglia: velour elastico, alcuni tipi di finta pelliccia, alcune maglie grosse Cotone mercerizzato n. 40 o 50 – cotone n. 40-60 – sintetico 90 o 100 punta affilata per i tessuti – 90 o 100 punta arrotondata per le stoffe a maglia 2 – 2.5 mm
Pesante (secca) – Tessuta: tessuti pesanti per confezione, tela da imballaggio, tela da materassi, canapa, tessuti per arredamento, lana double-face, tela per vele, alcuni tessuti grossi di cotone ritorto, alcuni tipi di gabardine, tappezzerie, alcuni tweed – Maglia: alcuni jacquard, alcune maglie doppie Cotone mercerizzato n. 36-50 – cotone n. 36-50 – sintetico 100 o 110 punta affilata per tessuti – 90 o 100 punta arrotondata per stoffe a maglia 2,5 – 3 mm
Pelle e materiali vinilici – Leggere: pelle di capretto, pelle verniciata, serpente, camoscio, similpelle, imitazioni di pelle scamosciata Cotone mercerizzato n. 50 – sintetico 80 o 90 punta a scalpello 2,5 – 3 mm
Pelle e materiali vinilici – A peso medio: pelle verniciata corrugata, materiale vinilico stampato, imitazione di serpente, imitazione di pelle scamosciata, alcune pelli scamosciate autentiche Cotone mercerizzato n. 40 o 50 – sintetico 90 punta a scalpello 2.5 – 4 mm
Pelle e materiali vinilici – Pesante: capretto, materiale vinilico per arredamento, alcune pelli scamosciate Cotone mercerizzato n. 36-50 – sintetico 90 o 100 punta a scalpello (se il tessuto è a doppio strato si può usare anche un ago a punta affilata della stessa misura) 3 – 4 mm

Come scegliere l’ago da macchina per eseguire le impunture L’impuntura è una cucitura a macchina eseguita sul dritto del lavoro per motivi funzionali o semplicemente decorativi, oppure per entrambi gli scopi. Solitamente consiste in un punto dritto più lungo del normale, ma può essere sostituita anche dal punto zig-zag. Per eseguire l’impuntura si può utilizzare un normale filo per cucire oppure un filo più pesante, che può essere dello stesso colore delle cuciture di base utilizzato per realizzare il capo o il progetto, oppure di colore contrastante per un effetto decorativo.

Stoffe e tipo di impuntura

Tipo di filo

Misura dell’ago

Lunghezza del punto

Impuntura a punto dritto – Tessuti e maglie, pelle e materiali vinilici di tutti i pesi Cotone o sintetico per occhielli a macchina 100 o 110 punta affilata per i tessuti – 100 punta arrotondata per le maglie100 punta a scalpello per pelle 3 – 4 mm
Impuntura a punto zig-zag – Tessuti e maglie di tutti i pesi Cotone mercerizzato n. 40-50 – cotone o sintetico per occhielli a macchina 90 o 100 punta affilata per i tessuti90 – 100 punta arrotondata per le stoffe a maglia 2,5 – 3 mm
Impuntura eseguita ad aghi multipli – Tessuti di medio peso o leggeri Cotone mercerizzato n. 50 – sintetico 90 doppio o triplo 1,5 – 3 mm

Ti è piaciuto questo progetto?

Per imparare a cucire, la conoscenza dell’uso degli strumenti e delle tecniche di cucito creativo è fondamentale, come nel caso dei piedini premistoffa. Visto quanti ne trovi nella scatola degli accessori della tua macchina?
Per scoprire a cosa servono e come si utilizzano, dai un’occhiata alla mia guida all’uso dei piedini: la trovi sia in versione cartacea, a colori, sia come ebook, e poi fammi sapere come è andata!

Per ulteriori domande puoi lasciarmi un messaggio sulla mia pagina facebook, ti risponderò appena possibile.

  • Condividi